Perché i giudici dicono che Formigoni è "corrotto e spregiudicato"

Share
Perché i giudici dicono che Formigoni è

L'ex presidente della Regione Lombardia si è dimostrato "particolarmente callido e spregiudicato" e nel suo ruolo di presidente della giunta regionale agiva "per fini marcatamente di lucro" "Roberto Formigoni - si legge nel provvedimento - ha strumentalizzato le proprie prerogative di presidente della giunta regionale a copertura globale degli interessi di Fondazione Maugeri e di Fondazione San Raffaele".

La condanna. Lo scorso 22 dicembre, la decima sezione penale (giudici La Rocca-Minerva-Formentin) hanno condannato l'ex Governatore a 6 anni per corruzione. Anche perché, sostengono i magistrati, "vi è un quai parallelismo tra le erogazioni alle due fondazioni e l'erogazione delle utilità".

Il Tribunale di Milano, si legge nelle circa 700 pagine delle motivazioni, "ritiene che le utilità corrisposte a Formigoni in esecuzione dell'accordo corruttivo, tra il 2006 ed il 2011, siano stimabili nell'ordine di almeno 6 milioni di euro, a fronte di circa 120 milioni di euro e di circa 180 milioni di euro che, nello stesso periodo, vengono erogati dalla Regione rispettivamente a Fondazione Salvatore Maugeri e Ospedale San Raffaele". In compenso Formigoni, affermano in sentenza i giudici, ha ricevuto diverse utilita' divise in sentenza in alcune macrocategorie: "Imbarcazioni, vacanze di capodanno e altri viaggi, una villa in Arzachena, denaro contante e un finanziamento elettorale di 600.000 euro" per un totale di circa 6,6 mln di euro, gia' oggetto di confisca. I giudici hanno condannato anche il faccendiere Pierangelo Daccò (9 anni e 2 mesi), l'ex assessore lombardo Antonio Simone (8 anni e 8 mesi), l'ex direttore amministrativo della Maugeri Costantino Passarino (7 anni) e l'imprenditore Carlo Farina (3 anni e 4 mesi).

Per il Tribunale, 6 anni sono una pena giusta per Formigoni tenuto conto della "gravità delle condotte, dell'intensità del dolo, dell'entità delle utilità illecite percepite per la messa a disposizione della altissima funzione, della mancanza di alcun quantomeno parziale risarcimento del danno, della notevole entità dei danni patrimoniali cagionati". Che fanno una serie di esempi. Per il collegio, "l'evidenza delle prove raccolte smentisce in radice la tesi della difesa di Formigoni, secondo cui le cosiddette utilità del Presidente non sarebbero altro che omaggi e regalie rientranti nell'ambito di un normale rapporto di amicizia tra Formigoni e Daccò". Come "le vacanze di Capodanno 2006/2007 (.) coeve all'intervento di Formigoni per la reintroduzione delle funzioni non tariffabili", che hanno comportato un incremento dei rimborsi alla Maugeri.

I giudici rilevano che gli "ingenti capitali" investiti da Daccò e Simone per garantire a Formigoni "vacanze in località esclusive, disponibilità di imbarcazioni di lusso, uso di dimore di pregio, un altisimo tenore di vita, cene di rappresentanza e viaggi su voli privati, del tutto esorbitanti un qualsiasi rapporto di amicizia, sia pure con persone molto facoltose".

Share

Advertisement

Related Posts

De Sciglio alla Juve se parte Dani Alves
Destinazione principale Manchester , dove lo aspetta il maestro Guardiola pronto a regalargli la fascia destra da arare. Già, perché oltre a Dani Alves non sono sicuri della riconferma neanche Lichtsteiner e soprattutto Cuadrado .

Pensionato cade in un dirupo durante una passeggiata: salvato dai Carabinieri
Si è salvato grazie ai carabinieri, che dopo essersi messi alla ricerca dell'uomo lo hanno individuato nel dirupo. Sempre più preoccupata, la donna ha deciso di avvisare le forze dell'ordine.

Pjanic Barcellona, il bosniaco alternativa a Verratti
Dopo un solo anno quindi potrebbe già finire l'avventura di Pjanic con la maglia della Juventus . Sul giocatore nelle passate settimane si è mossa anche la Roma di Di Francesco.

Cade dal quinto piano mentre monta la zanzariera, muore studente 21enne
Pare che il giovane, studente di ingegneria e originario di Sora , stesse sistemando una zanzariera sul balcone. Sul posto è intervenuta un'ambulanza del 118 ma i medici non hanno potuto far altro che constatare il decesso.

Consip, Ferrara e Ferrigno si dimettono: decaduto il cda
La mossa di via XX Settembre non è detto però che riesca a scongiurare il confronto parlamentare. Nonostante l'inchiesta, sia Marroni che Lotti erano rimasti, finora, al loro posto.

Papa prega a Bozzolo su tomba don Primo
Nei primi anni di scuola si impara a 360 gradi, poi piano piano si approfondisce un indirizzo e infine ci si specializza. Il vescovo di Cremona, Antonio Napolioni , lo ha annunciato nella visita di Papa Francesco a Bozzolo .

Calciomercato Roma, Salah va al Liverpool: domani le visite
Dalla cessione di Salah la Roma dovrebbe incassare circa 40 milioni di euro . Più ottimista " Il Tempo ", che parla addirittura di 50 milioni .

Cristiano Ronaldo via dal Real Madrid: ecco la sua decisione
Nella corsa non può infine essere escluso il Bayern Monaco che punta tutto sullo splendido legame tra Ronaldo e Carlo Ancelotti . Alla base della clamorosa decisione di Cristiano Ronaldo la pesante accusa per frode fiscale imputatagli dal fisco spagnolo .

Si dimettono i vertici della Consip, Cda decaduto
Poi il presidente deciderà se la vicenda è chiusa oppure se e quali mozioni mettere ai voti. Di ritirarle non se ne parla, anzi.

Consip, lasciano i consiglieri Ferrara e Ferrigno: decade il cda
Luigi Marroni , l'amministratore delegato di Consip , non vuole fare dichiarazioni ufficiali. Ma forse c'è un l'altra spiegazione, che non riguarda solo i timori elettorali del Pd.

© 2015 Vivere Milano. All Rights reserved.