Formula 1, Hamilton: "Ferrari super, il quinto posto è frustrante"

Share
Formula 1, Hamilton:

Hamilton ha infatti pubblicato un video nella sua Instagram Story, nel quale riprende il paddock di Singapore, mentre piove, con un commento personale: "oh Yeah!" L'inglese partirà in terza fila, accanto la suo compagno di squadra Bottas, in un circuito difficile per i sorpassi e in piena lotta mondiale.

Il primo a non darsi una spiegazione è Lewis Hamilton, rimasto deluso dal risultato che lo ha visto chiudere alle spalle di Ferrari e Red Bull, confermatesi velocissime sui cittadini. Solo quinto Lewis Hamilton, sesto Valtteri Bottas. Questa è una pista orribile per sorpassare.

Roma - "È probabile che questo di Singapore non sarà uno dei weekend più facili per noi". Pensavo che le Red Bull sarebbe state veloci, sì, ma forse c'era la possibilità di lottare con le Ferrari. Il leader iridato si aspettava, però, il colpo delle vetture anglo-austriache, ma pensava di potersela giocare con le Ferrari: "Non mi aspetto mai di essere quinto. Ho dato tutto quello che potevo, ho tirato fuori tutto dalla macchina". Hamilton, però, non ha rimpianti, perché pensa di aver spremuto al massimo la sua monoposto. Oggi entrambe le Ferrari sono state eccezionali, non assolutamente al nostro livello.

"La giornata di oggi è filata liscia senza alcun problema - ha affermato il tre volte Campione del Mondo britannico - L'aderenza sull'asfalto non è male, ed anche se al termine di questa prima giornata siamo tutti molto vicini noi, da parte nostra, sappiamo di poter migliorare ancora. Spero di passare una Ferrari allo start, sarebbe davvero utile".

Share

Advertisement

Related Posts

PlayerUnknown's Battleground supera il record di DOTA 2 di utenti connessi
Il mondo dei videogiochi ci ha abituati, nel corso degli anni, a storie che giocano sul filo del surreale e dell'impossibile.

Europei basket, l'Italia saluta la competizione: passa la Serbia
La formazione di Djordjevic allunga nel terzo periodo, anche se gli azzurri provano a reagire con Biligha, Belinelli e Aradori . La Serbia ha impiegato un tempo a spegnere l'Italia e sminare le sue trappole difensive fondate su aiuti, staffette e cambi.

E45, finisce giù dal cavalcavia: perde la vita noto imprenditore umbertidese
Un imprenditore di 61 anni, Giuseppe Codovini di Umbertide , è morto in un incidente stradale avvenuto sulla E45 a Sansepolcro. Era stato nominato "imprenditore dell'anno" 2016 da Ernst&Young per il "contributo dato allo sviluppo dell'economia italiana".

Raggi:Roma,sport anche senza Olimpiadi
Cinque le tappe che sottolineeranno la partecipazione alla mezza maratona dei podisti delle diverse confessioni religiose: San Pietro, la Sinagoga, la Moschea, la Chiesa Valdese e la Chiesa Ortodossa .

Juve, Marotta: "A Barcellona non perfetti, De Sciglio? Rosa numerosa"
Infine Marotta 'si stringe' ad Agnelli: "Confidiamo nella valutazione dei fatti da parte di un collegio giudicante". La preoccupazione è sinonimo di saggezza, che tutti devono avere.

Wsj, 'Usa non si ritireranno da accordo clima Parigi'
Questo è il motivo per cui, secondo Trump, gli USA avvieranno nuovi negoziati per raggiungere un accordo più equo. Washington - Undici anni e un sogno che si avvera.

E' morto Bersellini, il borgotarese che guidò l'Inter allo scudetto '80
Campione d'Italia nel 1979/80, Bersellini conquistò con i nerazzurri anche due Coppe Italia , nel 1977/78 e nel 1981/82. La camera ardente è stata allestita nella sede della Misericordia con apertura al pubblico dalle 17.

Bondo (GR): grossa frana da Pizzo Cengalo, no conseguenze
La strada cantonale H3 del passo del Maloja (GR) è percorribile a senso unico alternato. Fra le 20.30 e 22.30 una parte della massa rocciosa in movimento è scesa a valle.

Papa:essere perdonati apre al perdono
Il perdono fra i cristiani e cristiani, fra cristiani e sacerdoti, fra sacerdoti e sacerdoti, fra sacerdoti e Vescovi. Ma Gesù risponde: " Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette " (v. 22), vale a dire sempre.

Consip, Renzi: "Il fango finirà addosso a chi ha falsificato le prove"
Il colonnello Di Caprio ( Ultimo ) si difende e contrattacca: "Non ho mai svolto indagini per motivi politici e mai citato Renzi". Lo scrive il segretario del PD Matteo Renzi nella sua newsletter Enews .

© 2015 Vivere Milano. All Rights reserved.