Invasione di formiche all'ospedale Civico, chiude il reparto di Terapia intensiva coronarica

Share
Invasione di formiche all'ospedale Civico, chiude il reparto di Terapia intensiva coronarica

Le colonie di insetti hanno ora preso possesso dell'area occupata dall'Unità di terapia coronarica intensiva. Tutti i ricoverati sono stati trasferiti nel reparto di Anestesia e rianimazione e i dieci posti letto resteranno fuori uso fino a nuove disposizioni. Stop anche all'arrivo delle ambulanze che hanno a bordo pazienti da ricoverare in Rianimazione: l'azienda ospedaliera ha chiesto alla centrale operativa del 118 di dirottarli temporaneamente in altri ospedali.

L'ultimo episodio in ordine di tempo è la chiusura, avvenuta ieri, dell'Unità di terapia coronarica intensiva per disinfestazione straordinaria, misura che ha richiesto lo spostamento dei pazienti in altri reparti del Civico. In altri locali sono stati visti scarafaggi e zanzare, che come denunciato dal sindacato Fials - Confsal sono una presenza costante nei reparti di terapia intensiva. Accade all'ospedale Civico di Palermo. Ancora formiche a Malattie respiratorie, in cui Vincenzo Oliveri, paziente ricoverato per due mesi nel reparto, ha documentato con alcuni video realizzati con uno smartphone il traffico regolare degli insetti sulle pareti della sua stanza, oltre a porte danneggiate e sanitari rotti nella struttura. Il settantenne - a tre settimane dalle dimissioni - è stato costretto a un nuovo ricovero (ma all'ospedale Cervello) dove è morto. Da qui l'inchiesta della procura, con dodici medici del Civico indagati per omicidio colposo, e il blitz dei carabinieri del Nas.

Share

Advertisement

Related Posts

Clamoroso Panama, ai mondiali con un… goal fantasma: errore incredibile
Contemporaneamente gli Stati Uniti crollano contro Trinidad e Tobago e dicono addio alla qualificazione. Si tratta di Panama che con una clamorosa rimonta sul Costa Rica si assicura il pass Mondiale .

Palermo, otto rapine allo stesso distributore: due arresti
I due hanno preso di mira un distributore Eni di via Ernesto Basile , colpivano sempre all'alba. Le rapine sono state compiute tra il 6 febbraio e il 25 maggio scorsi.

Minore abusa di fratello per assecondare pedofilo conosciuto in rete
Gli inquirenti sono riusciti a risalire al minorenne grazie all'analisi dei computer e dei cellulari sequestrati all'uomo. Ma facciamo un passo indietro per raccontare meglio la vicenda.

Wiko View: display borderless e 18:9 a 199 euro
Ecco allora che Wiko View , lo smartphone più economico della famiglia, sarà proposto sul mercato italiano a soli 199 euro . Wiko VIEW è ora disponibile nel nostro Paese in 4 diversi colori: Black, Gold, Deep Bleen e Cherry Red .

Qualificazioni Mondiali 2018: Robben segna una doppietta e lascia l'Olanda
E l'attaccante del Bayern Monaco ha annunciato il suo ritiro dalla nazionale di calcio olandese a 33 anni. Davanti a loro due, solo Kluivert, Huntelaar e Van Persie.

Sommerso e attività illegali per 208 miliardi
Il tasso di irregolarità, ovvero l'incidenza delle unità di lavoro non regolari sul totale, è pari al 15,9% (+0,2 punti percentuali rispetto al 2014).

Botulino nelle cime di rapa Gusto del Salento: richiamati tutti i lotti
Natura Arl nello stabilimento situato nella zona industriale (tronco A, lotto 27) di Casarano in provincia di Lecce. Allarme botulino per alcuni barattoli di vetro conteneti cime di rapa al naturale prodotte nel Salento.

Albinea, spara agli operai scambiandoli per ladri
All'uomo e' stato revocato anche il nulla osta alla detenzione che lo autorizzava a possedere le armi in casa. Ha esploso alcuni colpi di fucile in aria scambiando degli operai sul tetto di una casa vicina per ladri.

Etruria, chiesti oltre 400 milioni agli ex del Cda
E' quanto rischiano di dover sborsare gli ex consiglieri e ex sindaci e di Banca Etruria per la mala gestione dell'istituto. Lo riportano in prima pagina Corriere della Sera , Messaggero e Stampa.

Eco - Borsa Milano debole lo 0,5%, in calo le banche
Resistono in rialzo i bancari spagnoli Bbva (+1,61%), Caixabank (+1,43%), Santander (+1,03%), Bankia (+0,95%) e Sabadell (+0,66%). In coda al listino ci sono Bper (-1,4%), Intesa (-1,2%), Banco Bpm (-1,3%), Unicredit (-0,98%).

© 2015 Vivere Milano. All Rights reserved.