Protesta contro la fiction, Zagaria tenta di suicidarsi durante l'udienza

Share
Protesta contro la fiction, Zagaria tenta di suicidarsi durante l'udienza

Il boss dei Casalesi Michele Zagaria, detenuto in regime di 41 bis a Milano, ha tentato il suicidio mentre era collegato in diretta video con la Corte d'Assise di Napoli, dove si celebrava un processo per duplice omicidio. L'esponente della Camorra ha dato in escandescenza protestando contro la fiction Rai 'Sotto copertura', incentrata sulla sua cattura.

In aula il boss ha chiesto la parola per una dichiarazione spontanea e, quando il presidente Provitera lo ha interrotto sostenendo che si trattava di fatti che esulavano dal processo, ha replicato "allora non mi resta che il suicidio" e si è stretto attorno al collo il filo del telefono della videoconferenza.

Nei giorni scorsi l'ex "primula rossa" della criminalità organizzata casertana aveva chiesto un risarcimento di 100mila euro per i "danni d'immagine" che la fiction gli avrebbe arrecato, sottolineando di voler donare poi tutto in beneficenza.

Gli avvocati del boss hanno manifestato direttamente alla Rai e alla Lux Vide, produttrice della fiction, le contestazioni sulla sceneggiatura. I legali con una lettera inviata alla stampa hanno fatto sapere che "ciò che viene narrato non è assolutamente realistico e molti sono i particolari inventati dagli sceneggiatori", "uno fra tutti, e forse il più grave, quello che dipinge Michele Zagaria come un uomo attratto sessualmente dalla giovane figlia della famiglia che per anni lo ha ospitato: cosa che ha profondamente offeso e disgustato il nostro assistito". "Abbiamo ricevuto risposta negativa e, quindi, abbiamo presentato un ricorso cautelare al Tribunale di Roma che ha fissato l'udienza per il prossimo 28 novembre".

Share

Advertisement

Related Posts

Airbus: ordine record da 49,5 miliardi
Il maxi-contratto più che raddoppia l'attuale portafoglio ordini di Airbus per quest'anno, che si collocava a 288 velivoli alla fine di ottobre.

Per Nadal obbiettivo Wimbledon per riprendersi la vetta del ranking
I trofei vinti in carriera da Nadal sono ben 73: 53 sulla terra, 15 sul cemento, 4 sull’erba e uno sul veloce indoor. In pratica, chi tra i due farà meglio a Wimbledon, sarà il numero uno del mondo nel cuore dell’estate.

Tutto riguardo il sistema bonus nel casinò
In generale, le condizioni per ricevere i bonus sono creati in modo tale che la probabilità di vincerli è minima. Se perdi, niente, ricerca la felicità da un’altra parte, e avrai abbastanza tempo per agire diversamente.

Firme false, il Pd la sfanga
Intanto la pm Patrizia Caputo ha chiesto nove mesi di carcere per Rocco Florio , l'esponente del Pd processato a Torino per irregolarità elettorali.

G7 Pari Opportunità, Taormina torna "capitale" della politica internazionale
In serata, il trasferimento a Catania , al Teatro Massimo Bellini , per assistere all'esibizione di Roberto Bolle per il G7. Migliorare, ad esempio, l'accesso delle donne al lavoro e sui luoghi decisionali.

Striscia la Notizia, Vittorio Brumotti aggredito a Bologna da dieci immigrati
Dopo l'aggressione gli stranieri sono riusciti ad allontanarsi facendo perdere le tracce. Sul caso indagano i carabinieri della Compagnia Bologna Centro.

Madre con il tumore, gemellini abbracciati nel grembo salvati
Nonostante questo il chirurgo Ciro Perone e la sua equipe sono riusciti a salvare i due piccoli, asportando un'ovaia ed una tuba . Un quadro clinico che, ovviamente, rischiava di mettere a rischio la vita della madre oltre che dei due gemellini.

Torre Annunziata - Banconote false, fiamme gialle smantellano fabbrica di euro
L'organizzazione si stava allargando all'estero, in Romania in particolare, attraverso alcuni campani trasferitisi lì. Operava in Italia e in Europa il sodalizio criminale di matrice partenopea.

Arriva il bonus nonni
Il bonus nonni 2018 sarà illustrato mercoledì, in collaborazione con l'associazione Nonni 2.0. E tra le spese detraibili rientrano anche quelle mediche e quelle assicurative.

Australia, al referendum sui matrimoni gay vince il sì
All'annuncio dei risultati da parte dell'ufficio nazionale di statistica ci sono state feste e manifestazioni in diverse città. Alla fine, il referendum se fare o meno una legge sul matrimonio gay in Australia ha dato il suo responso.

© 2015 Vivere Milano. All Rights reserved.