Catania, due "corrieri" fermati al casello con 3 chili di cocaina

Share
Catania, due

I due pregiudicati dovranno rispondere di trasporto e detenzione ai fini di spaccio di cocaina.

Tre chilogrammi di cocaina in arrivo a Catania proveniente dalla Calabria. Gli investigatori hanno osservato le mosse del pusher e quando erano sicuri di trovare la droga sono intervenuti bloccandolo in un garage; la cocaina era ben nascosta nell'auto ed è stato necessario smontare parte della tappezzeria per recuperarla.

Dopo lunghe ore di attesa, gli agenti hanno notato una Fiat Panda di colore giallo con a bordo un uomo.si trattava di Cavallaro. L'auto era seguita a distanza da un'altra Fiat Tipo con a bordo un uomo e una donna, il primo successivamente identificato in Favazza.

I poliziotti hanno bloccato le due auto e trovato due biglietti emessi da una società di traghetti della tratta Villa San Giovanni-Messina.

Espletate le formalità di rito, i due soggetti sono stati rinchiusi nel carcere di Catania, piazza Lanza, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

La donna ha immediatamente mostrato segni di insofferenza. Le perquisizioni eseguite sulle due macchine, protrattesi fino a tarda sera, hanno dato un primo esito negativo ma, avendo fondato motivo di credere che all'interno di una delle due auto vi fosse della droga, sono state sequestrate entrambe. La donna ha manifestato eccessiva irrequietezza, per questo i tre sono stati portati negli uffici della Mobile.

La perquisizione ha confermato i sospetti, infatti sono stati rinvenuti in totale 141 grammi circa della predetta sostanza; in particolare, circa 61 grammi nel comodino della camera da letto e 80 grammi addosso al soggetto, tutti occultati e divisi in piccoli involucri confezionati.

Da un controllo immediato dei telefoni si è accertato che il 36enne, durante il tragitto Catania-Calabria-Catania, era in comunicazione col 33enne.

Share

Advertisement

Related Posts

Reddito di inclusione, Pecunia: "Poca informazione dal Comune della Spezia"
L'avvio dei progetti personalizzati dipenderà invece dallo svolgimento degli incontri (cioè individuali per ciascuna famiglia richiedente) con l'equipe di presa in carico di cui fanno parte diversi dipendenti dell'Amministrazione ed anche di altri Enti .

Slot machine, Milano tra le top d’Italia. Entriamo nella testa degli scommettitori
Milano è tra le città più interessate dal fenomeno, soprattutto a causa delle slot machine. Anche in questo caso, soltanto realtà come Napoli e Roma rimangono davanti alla città meneghina.

Sassuolo, Cannavaro chiama...Cannavaro
Il 36enne difensore è stato chiamato in Cina dal fratello Fabio , campione del mondo con l'Italia nel 2006, per fargli da vice. C'è, ad esempio, il precedente di Ronald e Frank de Boer che hanno condiviso l'avventura alla guida dell'Ajax qualche anno fa.

Inter prima, Spalletti gongola: "mi sento come sul divano di casa"
Sul momento dei nerazzurri: " Mi sento sul divano di casa in mezzo a tanti interisti . Anche Miranda sembra essersi ritrovato grazie alla "cura Spalletti ".

Per Nadal obbiettivo Wimbledon per riprendersi la vetta del ranking
I trofei vinti in carriera da Nadal sono ben 73: 53 sulla terra, 15 sul cemento, 4 sull’erba e uno sul veloce indoor. In pratica, chi tra i due farà meglio a Wimbledon, sarà il numero uno del mondo nel cuore dell’estate.

Tutto riguardo il sistema bonus nel casinò
In generale, le condizioni per ricevere i bonus sono creati in modo tale che la probabilità di vincerli è minima. Se perdi, niente, ricerca la felicità da un’altra parte, e avrai abbastanza tempo per agire diversamente.

Vantaggi e svantaggi di giocare sul web
I siti dei casino disponibili in rete invece permettono di fare scommesse anche con cifre minime di solito 50 centesimi o un euro. Si può giocare d’azzardo dal letto prima di addormentarsi, o mentre si è in coda alla cassa del supermercato.

Antonella Clerici annuncia: "Dal 2018 non condurrò più 'La prova del cuoco'"
Noi tre siamo molto legati, facciamo lo stesso mestiere e ci vogliamo bene , abbiamo sofferto tanto e ci siamo preoccupati. Oggi la conduttrice Rai dai folti riccioli biondi compie 54 anni e fa un bilancio.

Papa Francesco stupisce ancora e corregge il "Padre Nostro"
Quella che, secondo quanto riportato nel Vangelo di Luca, fu insegnata direttamente da Gesù ai discepoli. Ora però è il Papa a sostenere che il testo andrebbe aggiornato.

Morte Emanuele Scieri, Commissione: "Non fu suicidio"
In questi mesi la Commissione capeggiata dal presidente Sofia Amoddio , ha acquisito quasi seimila pagine di documenti e 45 udienze.

© 2015 Vivere Milano. All Rights reserved.