Post-infarto: per le donne ci sono meno trattamenti e rischi più alti

Share
Post-infarto: per le donne ci sono meno trattamenti e rischi più alti

L'infarto miocardico, dove l'organo interessato è il cuore e l'infarto cerebrale (responsabile dell'80% dei casi di ictus) sono le più frequenti cause di morte nei paesi occidentali; altre tipologie di infarto sono relativamente rare, poiché molti distretti sono irrorati da più arterie, cosa che permette al vaso non interessato di supplire efficacemente al deficit nutritizio.

Se il dolore al petto e al braccio sono i sintomi più conosciuti, nelle donne le avvisaglie sono diverse e i segni più conosciuti si presentano solo all'ultimo e nel momento in cui il malore è più grave.

Meno donne che soffrono di infarto morirebbero se avessero ricevuto gli stessi trattamenti degli uomini. Il gentil sesso ha altri sintomi come difficoltà di respiro, dolore alla schiena, spalla, collo e mascella, nausea, vomito e sudorazione fredda, fatica inusuale e ansia, debolezza e vertigini. Il problema di fondo è che la patologia viene considerata quasi totalmente una prerogativa maschile, invece, quelle che hanno la peggio dal punto di vista cardiovascolare sono proprio le donne.

Addirittura, secondo una recente indagine condotta da alcuni ricercatori provenienti dalla Svezia, le donne avrebbero molte più probabilità di morire a causa di un infarto rispetto agli uomini. Le donne hanno registrato una doppia probabilità di morire di infarto rispetto agli uomini nell'anno seguente al primo attacco.

La ricerca è stata condotta dagli scienziati dell'Università di Leeds e dell'Istituto Karolinska i quali hanno analizzato oltre 180mila pazienti svedesi che hanno avuto un infarto in un periodo di dieci anni. Ma non finisce qui: lo studio britannico ha constatato che le donne hanno il 34 per cento di possibilità in meno di essere sottoposte a bypass e stent anche quando sarebbe davvero auspicabile il ricorso a questo tipo di interventi.

Dallo studio, pubblicato sul Journal of the American Heart Association e riferito online dalla Bbc Health, è emerso che, rispetto agli uomini, le donne in media hanno una minore probabilità di vedersi prescritte le terapie standard raccomandate dalle linee guida, ad esempio l'aspirinetta o i farmaci contro il colesterolo alto. Una discriminazione davvero inspiegabile visto che tali terapie sono ugualmente raccomandate sia per le donne che per gli uomini. "Gli attacchi di cuore sono spesso visti come un problema di salute maschile, ma muoiono più donne per malattie cardiache che quelle per il cancro al seno", ha dichiarato la British Heart Foundation.

"I risultati di questa ricerca sono preoccupanti".

Share

Advertisement

Related Posts

Michelle Hunziker, il fratello sordo lancio un appello: 'Non ti fai sentire…'
Resta il fatto che se le cose stessero davvero così come raccontate per i fan di Michelle sarebbe davvero una grande delusione. A suo dire, i due non hanno rapporti da molto tempo e diversi sono stati i suoi tentativi di mettersi in contatto con lei.

Pc e iPhone, attenti al Meltdown e Spectre: ecco come difendersi
Anche Linux ha rilasciato una patch, che però inibisce le prestazioni del sistema, si è calcolato, di circa il 30 per cento. Si tratta sostanzialmente di un update correttivo, che va a fixare alcune gravi criticità, e non porta novità rilevanti.

Brunello Cucinelli oltre la vetta del mezzo miliardo di ricavi
L'anno appena trascorso ha visto superare le vendite (sopra i 500milioni di euro) con un aumento in tutti i canali distributivi. I vertici di Brunello Cucinelli prevedono ottimi profitti nel 2017, sulla base della qualità delle vendite .

'Obsolescenza programmata', Apple sotto inchiesta in Francia
Nuove grane per il colosso americano di Cupertino Apple che è finito nel mirino della giustizia francese. I prodotti Apple di solito durano molto a lungo, ma la manovra è sicuramente discutibile.

Fallimento Calcio Como, arresti domiciliari per ex presidente Porro
L'inchiesta ruota in particolare sul centro sportivo di Orsenigo , storica sede di allenamento della squadra, attualmente sotto sequestro e inutilizzata.

Ferrero aumenta l'offerta a 2,5 miliardi per le barrette Nestlé Usa
Dal canto suo, Hershey ha da poco (18 dicembre) annunciato l'acquisto del produttore di snack Amplify per 1,6 miliardi di dollari. Una decisione su chi si aggiudicherà l'asta è attesa fra una settimana .

Annunnciato HTC Vive Pro: 2880x1600 di risoluzione per il nuovo modello
Come già riportato nella nostra notizia, si tratta di una versione aggiornata del visore, con un nuovo design, lenti ottiche migliorate e cuffie ad alta risoluzione.

Icardi al Real subito, in Spagna danno la cosa per fatta
Un'indiscrezione che anticipa una vera e propria bomba uscita questa mattina sul Daily Express in Inghilterra. Stando, infatti, a quanto riportato da 'Diario Goal', il Real Madrid vuole subito Icardi .

Vittorio Brumotti aggredito a Milano durante un servizio per 'Striscia la notizia'
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Colpiti anche i due cameraman che l'accompagnavano.

Ascolti tv: ecco i dati del fine weekend, spicca Fazio Video
Bene, nel preserale di Rai1, la puntata speciale di Techetechetè sull'ex Molleggiato: 3 milioni 480 mila spettatori con il 18.2%. Il Tg5 ha raggiunto 4 milioni 602 mila spettatori (18.89%), mentre il TgLa7 è stato visto da 1 milione 22 mila (4.21%).

© 2015 Vivere Milano. All Rights reserved.