Hollywood, produttrice si suicida dopo il caso Weinstein

Share
Hollywood, produttrice si suicida dopo il caso Weinstein

La donna, che da tempo soffriva di disturbi bipolari e depressione, si è tolta la vita.Il nome della Messick negli ultimi mesi era stato tirato in ballo, pubblicamente, nell'ormai noto caso di molestie sessuali che ha travolto il tycoon americano. Che, per la prima volta, spezza il silenzio sulle accuse di complicità, dinanzi alle quali Jill era rimasta in silenzio, fornendo la propria versione dei fatti: "Una delle sue prime clienti fu proprio Rose McGowan, e uno dei primi compiti fu quello di organizzare una colazione con Harvey Weinstein durante il Sundance Film Festival". Dopo i primi approcci del produttore nei confronti dell'attrice, fu chiesto all'agenzia di indagare sull'episodio.

Le accuse della famiglia di Jill Messick. Ritengono che il clamore scoppiato lo scorso anno abbia contribuito a dissolvere le già fragili sicurezze dell'ex produttrice. Secondo i genitori non avrebbe retto la pressione: "Vedere il suo nome nei titoli, utilizzato da una parte per ottenere maggiore attenzione per la sua causa e dall'altra come disperato tentativo di difesa da parte di Harvey è stato devastante per lei" dicono ora i suoi familiari, imputando la decisione di Jill di togliersi la vita all'eccessiva attenzione da parte della stampa. Jill credeva nel Movimento. Nonostante ciò, secondo i parenti, Jill riconobbe che Harvey avesse fatto qualcosa di sconveniente, se non illegale. Adesso la famiglia di Jill Messick accusa Harvey Weinstein, Rose McGowan e la stampa di averla spinta a compiere questo estremo e tragico gesto. Il tentativo di aiutare Rose McGowan.

Jill Messick, la produttrice manager di Rose McGowan,si è suicidata a 50 anni. Dopo questo incontro, Rose disse a Jill cosa era capitato - il fatto che si fosse spogliata e fosse entrata in una vasca con lui - un errore di cui Rose immediatamente si pentì. Rose non usò mai la parola stupro in quella conversazione. Il successivo accordo tra Rose e Harvey che venne negoziato in seguito venne fatto senza che Jill lo sapesse. Ciò che sapeva era che la questione era stata risolta e che Rose continuava a fare film con i Weinstein.

La Messick, forse proprio a causa delle sue condizioni psicologiche, aveva deciso di tenersi lontana dallo scandalo.

Share

Advertisement

Related Posts

Lazio, Parolo: "Nel secondo tempo più demeriti nostri che meriti del Napoli"
Complimenti al Napoli per la reazione ma anche noi ci abbiamo messo del nostro. È tutta nostra la responsabilità. Nel primo tempo siamo stati stretti e compatti: nel secondo ci siamo allungati e loro hanno trovato spazi.

Sanremo, dalla Hunziker a Nina Zilli tutti i look delle prime serate
Un look che sicuramente valorizzava la bellezza di Nina ma che ricordava un po' Anita Ekberg e un po' Madonna in Material Girl. Tra i giovani, invece, l'ha spuntata Alice Caioli con la canzone Specchi rotti , che ha raggiunto 11,8 milioni di italiani.

Reg E. Cathey di House of Cards morto a 59 anni
Per quanto riguarda il cinema ha preso parte a film come Se7en, American Psycho e Nato il quattro luglio . Interpretò Norman Wilson nella quarta e quinta stagione di The Wire e Freddy Hayes in House of Cards .

Le 157 emoji che vedremo quest'anno
Per il 2018 sono previste ben 157 nuove emoji , se consideriamo anche quelle con le varianti di colori dei volti e mani. In arrivo anche nuovi animali: puzzola, zanzara , cigno, ippopotamo , lama , canguro , pappagallo , pavone e aragosta .

Monza: madre e figlia trovare morte in casa a Ornago
I Carabinieri stanno ora interrogando i vicini per raccogliere diverse testimonianze sull'accaduto. L'ipotesi che si tratti di un omicidio prende sempre piu' corpo.

NAPOLI LAZIO Callejon: "Vittoria importante ai fini della corsa scudetto"
Siamo li' e stiamo lavorando tutti insieme per raggiungerlo. "Lavoriamo per continuare a vincere, e dopo alla fine vedremo". Il nostro sogno è di vincere lo scudetto e non ci nascondiamo.

Raggi, sì di fatto della Lorenzin alla nostra richiesta sui vaccini
Non ci saranno proroghe alla scadenza del 10 marzo per l'obbligo di vaccinazione per l'iscrizione a scuola. Quest'ultima in realtà è obbligatoria solo per i nati dal 2017.

Napoli, Sarri: "Milinkovic era da rosso". Callejon: "Vittoria per Ghoulam"
E' forte nell'uno contro uno, ha qualità tecniche buone, non ha la forza dirompente di Ghoulam in fase di spinta. Mario Rui sta crescendo enormemente, nella scorsa stagione aveva fatto solo due partite.

Serie A, Pioli dopo Fiorentina-Juve: "Guida doveva andare a rivedere"
Ho chiesto questo, per loro era evidente, ma se c'è il VAR guarda e accetto", il commento dell'allenatore delle Fiorentina . Abbiamo concesso poco a un avversario molto forte e non siamo stati fortunati e bravi a sfruttare le nostre occasioni.

Primavera, Napoli-Milan 1-1 (8'st Tiago Dias, 49'st Palmieri): pareggio strameritato al 94'!
Gli uomini di Beoni hanno trovato il pari a tempo scaduto grazie ad una splendida punizione di Ciro Palmieri . Gaetano calcia direttamente in porta, palla respinta con i pugni da Cavaliere.

© 2015 Vivere Milano. All Rights reserved.