Nuova etichetta della pasta e del riso dal 13 e 14 febbraio

Share
Nuova etichetta della pasta e del riso dal 13 e 14 febbraio

Sottolineano inoltre che il provvedimento non vale per tutta la pasta e che la nuova etichetta non verrà applicata alla pasta di grano duro Igp (come ad esempio quella di Gragnano), a tutta la pasta fresca, a quella senza glutine (di riso, mais, soia, segale), alla pasta biologica (che si attiene a un altro regolamento), a quella di farro, ai Pizzoccheri.

Entra in vigore il decreto sull'indicazione dell'origine obbligatoria per il riso e il grano.

Parte da oggi la normativa che rende obbligatorio apporre sulle confezioni di pasta e riso l'etichetta di origine.

La norma metterà fine - si spera - alla proliferazione di prodotti, come nel caso della pasta, fatto con grano straniero (si parla di un pacco di pasta su tre in commercio), come pure straniero è un pacco di riso su quattro, senza che questo fosse fino a ora indicato in etichetta. È quanto afferma Coldiretti Pavia in occasione dell'entrata in vigore dei due decreti interministeriali sull'indicazione dell'origine obbligatoria in etichetta del riso e del grano per la pasta, dopo 180 giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale che cade esattamente il 13 febbraio per il riso e il 14 febbraio per la pasta. Una opportunità resa possibile da un milione e 350mila ettari di coltivazioni di grano duro con un raccolto che - precisa la Coldiretti - quest'anno sfiorerà i 4 miliardi e 300 milioni di chili concentrato nell'Italia meridionale, soprattutto in Puglia e Sicilia che da sole rappresentano circa il 40% del totale nazionale ma anche in Abruzzo che, con 20mila aziende produttrici di cereali e 87mila ettari dedicati (di cui 34.500 coltivati a grano duro) vanta una produzione di circa 1.400.000 quintali di solo grano duro per un valore di circa 35 milioni di euro. "Finalmente ai consumatori sarà garantita trasparenza e la possibilità di fare scelte consapevoli sull'alimento più consumato in Italia: la pasta - commenta il presidente Codacons Carlo Rienzi - Finora gli italiani sono stati del tutto all'oscuro sull'origine della materia prima, una situazione di incertezza che ha danneggiato il Made in Italy e dato vita ad inganni attraverso confezioni che richiamavano una italianità del prodotto nella realtà inesistente, perché grano e riso provenivano da paesi esteri". Qualora le fasi di coltivazione, lavorazione e confezionamento avvengano nello stesso Paese, può essere recata in etichetta la dicitura "origine del riso", seguita dal nome del Paese.

Questa frase afferma una richiesta più che legittima.

Stessa storia per il riso.

Per incrementare la disponibilità di grano duro nazionale di qualità e prodotto in modo sostenibile in linea con le esigenze dell'industria molitoria e della pasta la strada giusta sono infatti i contratti di filiera, che diversi protagonisti del mondo grano-pasta hanno già intrapreso: in questo modo si garantisce ai pastai un grano adeguato e agli agricoltori un reddito certo, commisurato all'impegno profuso e alle specifiche condizioni ambientali e climatiche, garantendo al contempo una protezione dalle fluttuazioni del mercato. Una lunga guerra durata anni lanciata da Coldiretti insieme agli agricoltori che sono scesi in piazza per difendere il Made in Italy.

Share

Advertisement

Related Posts

X Factor 12: nuovi giudici in arrivo?
Non ci sarebbe ancora, dunque, la conferma ufficiale, ma Manuel Agnelli sarebbe pronto a dire di nuovo sì al programma di Sky . Intervistato da Il Messaggero , Immirzi fa di Maria un elogio sperticato: "Quella donna è un genio della tv ".

Scandalo corruzione all'università, sei docenti interdetti dalla professione
Sono sei i docenti universitari interdetti dal loro ruolo nell'ambito dell'inchiesta sulla corruzione all'università . Fantozzi è stato interdetto per nove mesi dallo svolgimento delle funzioni di professore universitario.

Dramma nel Rione Sanità, uomo muore schiacciato da un camion
L'automezzo, quindi, invece di rimanere fermo, si è spostato, procedendo in discesa e schiacciando così l'uomo. E' accaduto questa mattina nel centro storico di Napoli , all'altezza delle rampe di San Gennaro dei Poveri .

Furgone investe un pedone in piazza Davanzati a Firenze
Il pedone è rimasto incastrato sotto il mezzo, e per liberarlo è stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco . Un pedone è stato travolto da un'auto in via Gambino , strada che porta dritto su corso Sicilia.

LG V30 2018: arriverà con Intelligenza Artificiale
Sempre parlando di intelligenza artificiale , LG V30s potrà contare su un assistente vocale potenziato. L'attenzione per questo nuovo modello sarà data all'intelligenza artificiale grazie a Vision AI .

Catturato in Germania latitante della cosca Gallico
Come detto, l'uomo era ricercato dall'ottobre 2017 con l'accusa di tentata estorsione. Il ricercato e' stato catturato nei pressi dell'aeroporto di Monaco di Baviera.

Napoli. Tre arresti nelle Case Celesti, così i pusher nascondevano la droga
Le indagini, avviate nel mese di settembre 2017, hanno permesso di cristallizzare le condotte illecite dei 3 indagati. Assieme alla droga, i militari hanno anche sequestrato la "contabilità" della piazza di spaccio.

Violenza contro le donne, domani a Gallipoli arriva il camper della Polizia
In più sono state allarmate 26 utenze telefoniche: in questo modo le donne finite nel mirino possono contare su un canale preferenziale con la sala operativa del 113.

Baby-gang, c'è un quarto indagato per l'aggressione ad Arturo
Il primo è in carcere dalla vigilia di Natale ed è stato riconosciuto nel corso di un incidente probatorio proprio dalla vittima. Come si vede se una borsa è di qualità o meno? A vuoto finora tutti gli appelli a collaborare con gli inquirenti.

Dolore al Careggi: donna muore al quinto mese di gravidanza
La notizia della morte della giovane donna è stata data direttamente dall'azienda ospedaliero-universitaria Toscana nel corso della giornata di ieri.

© 2015 Vivere Milano. All Rights reserved.