Retata contro il clan Mazzarella, foto e nomi degli arrestati

Share
Retata contro il clan Mazzarella, foto e nomi degli arrestati

Si tratta di Francesco Mazzarella (49), Francesco Barattolo (34), Luigi Bonavolta (25), Raffaele Donadeo (22), Gaetano Limatola (33), Giovanni Ravolo (42), Ciro Russo (57), Raffaele Santaniello (26), Pasquale Troise (36). Il gip del Tribunale di Napoli ha emesso oggi, giovedì 15 febbraio, nei loro confronti, un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. E' solo uno degli episodi criminali ricostruiti dalla polizia che ha portato all'arresto di nove persone del clan Mazzarella.

Stando alle indagini della Squadra mobile partenopea, coordinata dai magistrati della Dda, l'organizzazione controllava il territorio con intimidazioni e omertà, scontri armati con i clan rivali, repressione violenta dei contrasti interni.

"Tra i nomi delle persone raggiunte dal provvedimento, spicca quello di Francesco Mazzarella, 46 anni, soprannominato "'o parente", ritenuto al vertice dell'omonimo clan camorristico napoletano operante nel quartiere San Giovanni a Teduccio. Le indagini sono partite dall'omicidio di Vincenzo Di Pede, ritenuto affiliato al clan Formicola, che ha determinato una spaccatura con i Mazzarella, con i quali erano alleati, la nascita dell'alleanza tra i Formicola e il clan Rinaldi e l'avvio di violenta faida in città. Dal mutamento degli assetti criminali sono scaturiti alcuni episodi di violenza avvenuti negli anni 2014 e 2015.

Lo scontro si è acuito ulteriormente negli ultimi mesi, questo a causa degli arresti eseguiti nel novembre 2017 nei riguardi di esponenti del clan De Micco di Ponticelli, nuovo ulteriore scossone agli equilibri della zona. Una faida che ha portato alla morte di Antonio Perna (dei Mazzarella) lo scorso 22 dicembre, morto nell'esplosione di un ordigno che egli stessi stava piazzando, così come alla stesa dello scorso 8 dicembre in via Sorrento, quando numerosi colpi furono diretti verso l'abitazione di Sergio Grassia (dei Rinaldi).

Il 31 dicembre del 2017 durante una perquisizione nell'abitazione di Luigi Gitano, affiliato al clan Mazzarella, sono state rinvenute 182 munizioni di vario calibro, un silenziatore ed un impianto di video sorveglianza.

Share

Advertisement

Related Posts

Capo d'Orlando: sequestrate 4 villette abusive a Santa Carrà
Sono state irrogate sanzioni amministrative nei confronti dei responsabili per un totale di 80.000 euro ed è stata informata la competente autorità giudiziaria.

Per Nadal obbiettivo Wimbledon per riprendersi la vetta del ranking
I trofei vinti in carriera da Nadal sono ben 73: 53 sulla terra, 15 sul cemento, 4 sull’erba e uno sul veloce indoor. In pratica, chi tra i due farà meglio a Wimbledon, sarà il numero uno del mondo nel cuore dell’estate.

Antinori condannato a 7 anni
Per i pm Maura Ripamonti e Leonardo Lesti, titolari delle indagini, il medico non meritava nemmeno le attenuanti generiche "per il suo ruolo preminente e perché è protagonista di gravi reati".

Effetti Collaterali delle Cattive Abitudini Alimentari
Per rendere il tutto più semplice, prova a pianificare i tuoi piatti, e la relativa spesa di ingredienti sani, in anticipo. Una lunga serie di problemi di salute, spesso prevenibili e anche curabili, sono causati dalla cattiva alimentazione.

Lettera contenente una Polvere bianca: ricoverata la nuora di Donald Trump Video
Da quanto si apprende, la nuora di Donald Trump avrebbe aperto una lettera che era indirizzata a suo marito. Ex attrice televisiva, la moglie del figlio maggiore di Trump ha 40 anni e cinque figli.

Mercato auto, FCA: "A gennaio in Europa immatricolazioni +1,2% "
In gennaio sono 59.900 le immatricolazioni in Europa del marchio Fiat , per una quota del 4,7 per cento. Come negli ultimi anni, anche a gennaio quasi tutti i mercati dell'Unione sono in crescita.

Un trans allatta il proprio figlio, ecco il rilevante evento scientifico
E' probabilmente il primo caso al mondo , e di sicuro il primo documentato scientificamente. Per la prima volta a New York una donna potrà allattare il figlio anche se è trans .

Mantova toglie la cittadinanza onoraria a Mussolini, Bergamo non lo fece
Noi non difendiamo il regime perché il fascismo e la cittadinanza onoraria sono morti con Mussolini . In questa direzione si sono mosse Torino, Pisa, Crema: via la cittadinanza al Duce .

Stop alla pensione automatica per i vescovi al compimento dei 75 anni
La proroga di un incarico - specifica ancora Francesco - "non deve essere considerata un privilegio o un trionfo personale".

Mercato auto, Milano regina di immatricolazioni
Ed è di fatto proprio la Lombardia e il suo capoluogo, Milano, a raggiungere un vero e proprio boom di immatricolazioni. Se Milano ottiene i grandi numeri in quanto ad immatricolazioni, le motivazioni sono diverse.

© 2015 Vivere Milano. All Rights reserved.