Juve, Agnelli e Marotta: "Nessun rimpianto dopo il Real. Abbiamo Dna vincente"

Share
Juve, Agnelli e Marotta:

L'amministratore delegato Giuseppe Marotta prima di Juventus-Sampdoria ai microfoni di Premium Sport: "Il rammarico del post-partita di Madrid c'è, vogliamo portarci a casa questo Scudetto e la Coppa Italia a maggio. Condivido quello che ha detto Agnelli, in modo civile con modi civili: bisogna uniformare il regolamento e il modo di arbitrare: in Italia c'è la Var, in Inghilterra non ci sono gli addizionali, in Champions e in Europa League ci sono gli addizionali (ma non la Var, n.d.r.)". Poi ci voleva buon senso nella scelta all'ultimo secondo e anche nella designazione arbitrale, perché per un arbitro di 33 anni una gara così importante è impegnativa. "Son felice che l'Italia possa esprimere un portiere di questo livello". "Era quasi una seconda finale".

Problema di poteri forti in Europa? . Credo sempre alla buona fede ma se si analizza quello che è successo a Madrid si arriva alla conclusione che un arbitro con più esperienza avrebbe agito diversamente. "Non rispondo, è una dichiarazione che non merita una risposta". "Uno può anche arbitrare bene, ma l'esperienza e il buon senso ti devono far decidere in un modo diverso".

"Io posso dire che Allegri è con noi da quattro noi, conosce le strategie". Non ci saranno cambiamenti nella società e nelle strategie. L'esternazione è un atto sincero, ma i rapporti con lui sono eccezionali.

Ringraziamento a Donnarumma per la sua parata?

"Grande gesto tecnico, degno sostituto di Buffon". "Faccio i complimenti a Gigio per oggi: è un pilastro del Milan e della nazionale - spiega Marotta, che infine conclude - Rappresenta il futuro".

Share

Advertisement

Related Posts

Morto Vittorio Taviani, con Paolo maestro del cinema italiano
Nel 1954 abbandona gli studi e, sempre insieme al fratello e a Orsini, realizza una serie di documentari a sfondo sociale. Era nato a San Miniato, in provincia di Pisa, il 20 settembre del 1929.

Siria, Gentiloni: "Attacco motivato", Salvini: "Pazzesco, fermatevi"
Unità difficilissima al momento, specie perché l'ultimatum di Mattarella sta per scadere e tra M5s e Cdx di accordi ancora non se ne vedono.

Amici 2018 serale, la seconda puntata del 14 aprile (DIRETTA LIVE)
Alla fine, grazie ai voti ottenuti in complesso nel corso delle sfide, ha vinto la squadra blu . Da un lato Ballando con le stelle , dall'altro Amici Serale .

Milan-Napoli 0-0: Delusione a San Siro, Donnarumma salva il Diavolo
Nel primo tempo hanno prevalso le difese, nonostante le assenze di Romagnoli e di Bonucci da una parte e di Mario Rui dall'altra. La sfida si è così innervosita e ci sono state scintille tra Biglia e Insigne , arrivati quasi alle mani al fischio finale.

Milan-Napoli, a San Siro in 70mila. Previsti tanti tifosi azzurri
Il Milan , nella sua consueta analisi della rassegna stampa mattutina, parla della sfida contro il Napoli . Numeri in campionato: 25 vittorie, 6 pareggi e due sconfitte in 32 partite.

Armi illecite e documenti falsi, arrestato un marittimo
L'uomo, originario dell'Abruzzo, è stato arrestato dagli agenti della locale Guardia Costiera. Dopo la convalida dell'arresto, l'abruzzese è stato rimesso in libertà.

Siria - Esplosione in una base iraniana ad Aleppo, almeno 20 morti
Secondo i media vicini a Hezbollah , l'esplosione sarebbe stata invece accidentale e avrebbe interessato un deposito di esplosivi. Aerei sono stati visti sorvolare la zona, ma "la loro identità è sconosciuta", riferiscono media turchi.

Minacce all'ex fidanzata bresciana, in carcere concorrente del Grande Fratello
Il 31enne, come riporta il Giornale di Treviglio , è stato arrestato dai Carabinieri della stazione di Romano di Lombardia. E' scattata quindi l'ordinanza di aggravamento di misura, con l'ordine quindi di portare in carcere l'uomo.

Sassuolo-Benevento: le dichiarazioni di De Zerbi nel pre partita
LA JUVENTUS - Mi ha lasciato alcune certezze sulla crescita ma allo stesso tempo non siamo ancora quelli che io vorrei fossimo. Sul mio futuro ho già detto che sono stato e sto bene qui, per ripartire oggi non è il momento di fare nessuna valutazione.

Frizzi, parla Valeria Favorito: "Un fratello maggiore"
Intervistata da Il Giorno ha raccontato: "La prima volta avevo undici anni e il donatore è stato proprio Fabrizio Frizzi . Nonostante la prematura morte del conduttore, Valeria è sicura che quel giorno sentirà ancora Fabrizio accanto a sé.

© 2015 Vivere Milano. All Rights reserved.