Stupro di gruppo: condannati a 9 anni anziché 20, proteste

Share

E' questa la condanna inflitta da un tribunale della Navarra ai cinque giovani spagnoli accusati di stupro di gruppo ai danni di una 18enne di Madrid durante la festa di San Firmino, a Pamplona, nel 2016. Le condanne a nove anni sono state accolte dalle proteste delle decine di militanti femministe che si era riunite davanti alla sede del tribunale al grido di "Non è abuso, è stupro". "Vergogna e schifo!", ha tuonato su Twitter Pablo Iglesias di Podemos. È stata trasmessa in diretta tv. La corte ha dato ragione ai cinque, sostenendo l'assenza di violenza, e ha condannato gli imputati solo per abuso e non per aggressione sessuale, un reato per il quale la procura aveva chiesto condanne a 18-20 anni di carcere.

I giudici non hanno confermato l'accusa di stupro verso gli accusati: uno era membro della Guardia civile, attualmente sospeso dalle funzioni, un altro dell'esercito e diversi di loro erano ultrà della squadra di calcio del Siviglia.

Da due anni la Spagna segue molto da vicino gli sviluppi della vicenda e le posizioni contrapposte di accusa e difesa. Secondo un rapporto della polizia, i ragazzi - che appartenevano a un gruppo WhatsApp chiamato "La manada" (il branco) - hanno portato la 18enne nell'androne di una casa, dove hanno avuto rapporti sessuali con lei. La portavoce della manifestazione ha dichiarato: "Se non c'è aggressione in uno stupro di cinque uomini grandi e grossi contro una ragazza di 18 anni, cos'è una aggressione?" Uno ha ripreso alcune fasi con il cellulare e le ha inviate agli amici a Siviglia.

Manifestanti fuori al tribunale: "Non è abuso, è stupro" - Secondo la ricostruzione di quella notte, dopo la violenza la ragazza fu trovata in lacrime in strada da alcuni passanti che la portarono in un commissariato. Subito arrestati, i sivigliani - tra loro anche un militare e poliziotto - si sono difesi sostenendo che la ragazza non si era agitata, non c'era stata violenza e che quindi era consenziente. Qui ha denunciato l'accaduto: la ragazza ha spiegato di non avere potuto reagire perché paralizzata da quanto stava succedendo. La tesi della difesa ha scatenato un'ondata di proteste nel Paese: migliaia di persone si sono riversate nelle piazze - già a novembre scorso - con lo slogan "Sì, io ti credo" (#yositecreo), diventato presto virale sui social network. Ma oggi tutta la Spagna è sotto choc.

Share

Advertisement

Related Posts

Poggibonsi, si uccide dandosi fuoco. "Truffata da guaritore"
Gli investigatori della DIA di Catania, su delega della Procura della Repubblica diretta dal dott. Si è cosparsa il corpo con alcool etilico e poi con un accendino è diventata una torcia umana .

LIVE Marsiglia-Salisburgo, risultato in tempo reale: le probabili formazioni
Buongiorno e benvenuti alla DIRETTA LIVE di Marsiglia-Salisburgo , andata delle semifinali di Europa League 2018. In streaming gara trasmessa su Sky Go , attraverso tablet, smartphone e pc.

In mansarda 13 piante di marijuana, arrestato un mazarese
Il tipo venduto contiene solo piccole quantità di sostanze psicoattive e può essere acquistato liberamente . Tre grammi costano circa 20 franchi svizzeri ossia poco meno di 17 euro .

Salvini: "Anche oggi Italia ha bisogno di essere liberata"
Ma il piccolo paziente britannico, per il quale un vero e proprio esercito si è schierato in tutto il mondo, ha resistito. Il giudice ha anche criticato le persone vicine ai genitori del bambino, accusandole di dare loro false speranze.

Tutto riguardo il sistema bonus nel casinò
In generale, le condizioni per ricevere i bonus sono creati in modo tale che la probabilità di vincerli è minima. Se perdi, niente, ricerca la felicità da un’altra parte, e avrai abbastanza tempo per agire diversamente.

Vantaggi e svantaggi di giocare sul web
I siti dei casino disponibili in rete invece permettono di fare scommesse anche con cifre minime di solito 50 centesimi o un euro. Si può giocare d’azzardo dal letto prima di addormentarsi, o mentre si è in coda alla cassa del supermercato.

Per Nadal obbiettivo Wimbledon per riprendersi la vetta del ranking
I trofei vinti in carriera da Nadal sono ben 73: 53 sulla terra, 15 sul cemento, 4 sull’erba e uno sul veloce indoor. In pratica, chi tra i due farà meglio a Wimbledon, sarà il numero uno del mondo nel cuore dell’estate.

Roma, la verità di Monchi su Salah: "Sono stato costretto a venderlo"
In quel momento non avremmo potuto ricavare di più da un'operazione del genere. La prima stagione del 25enne Salah al Liverpool è a dir poco devastante.

E' morto Pietro Marzotto
E' stato anche un prezioso presidente per l'Associazione. "Ma non è stato soltanto un grande imprenditore . Addio a Pietro Marzotto: aveva 80 anni .

Ocse: "Il cuneo fiscale dell'Italia è al 47,7%"
Ci sarebbero benefici diretti sia sui costi aziendali, che calerebbero, sia sulle buste paga dei lavoratori, che aumenterebbero immediatamente.

© 2015 Vivere Milano. All Rights reserved.