Fumare è una scelta: nessun risarcimento per chi muore di cancro

Share

Che il fumo provochi il cancro è un fatto noto fin dagli anni settanta.

La storia narrata dal ricorrente è purtroppo comune a molti, un'abitudine al fumo, presa fin da giovane, che lo aveva portato a consumare fino a due pacchetti di Malboro al giorno. Questi però sottolineava come i produttori e i distributori delle sigarette Philip Morris Italia ed Eti fossero responsabili della sua patologia. Proprio per questo le multinazionali del tabacco e i Monopoli di Stato non sono tenuti a pagare alcun risarcimento ad un fumatore che si ammala e muore per un cancro ai polmoni provocato dalle sigarette. Era stata chiamata in giudizio prima la Philip Morris Italia e poi Ministeri di Finanze e Salute. Per questo, imputava la causa della sua malattia ai soggetti che avevano prodotto e posto in commercio le sigarette, sostenendo che "il produttore aveva subdolamente studiato e inserito nel prodotto sostanze tali da generare uno stato di bisogno imperioso con dipendenza psichica e fisica tali da indurlo a diventare un tabagista incallito".

La storia - La Cassazione (sentenza11272) respinge il ricorso dei familiari di un tabagista, confermando la decisione della Corte d'Appello, che aveva considerato il vizio di fumare una scelta fatta in libertà, pur nella consapevolezza dei danni che il tabacco può provocare alla salute.

Aveva anche chiesto che fosse accertato e dichiarato che le sigarette da lui fumate contenevano sostanze nocive all'organismo che procuravano nel tempo assuefazione e per questo che fosse accertato e dichiarato che lui non aveva mai prestato un libero consenso acquistando le sigarette, ma di essere stato "viziato e carpito dai convenuti con raggiri e dolo".

Inizialmente la causa era stata intentata anche contro il ministero della Salute per non aver salvaguardato la salute pubblica non obbligando la multinazionale a offrire un prodotto più naturale, privo di rischi per la salute e di sostanze che producono assuefazione. Richieste rinnovate dai familiari che speravano di ribaltare il verdetto sfavorevole. "Campagne pubblicitarie promosse da organizzazioni non lucrative lanciarono in quegli anni moniti di qualche risonanza".

La legge comunitaria - La legge Comunitaria del 1990 che ha imposto l'obbligo di indicare sui pacchetti il contenuto di catrame e nicotina e l'avvertenza dei pericoli per la salute, non ha fatto che riaffermare un fatto noto da tempo. "In tal senso si tratta di una decisione in netta controtendenza rispetto alla giurisprudenza di altri Paesi, i quali hanno riconosciuto in ogni grado di giudizio il diritto al risarcimento per le vittime delle sigarette e per i loro eredi" prosegue l'associazione dei consumatori.

La Cassazione dà ragione alla Corte di Appello e nella sua sentenza sottolinea che "nell'accertamento della responsabilità civile il primo presupposto da verificare è l'esistenza del nesso eziologico tra quello che s'assume essere il comportamento potenzialmente dannoso e il danno che si assume esserne derivato".

I familiari dell'uomo si sono quindi rivolti alla Cassazione, affermando che, da parte dei giudici di secondo grado, non fosse stato correttamente applicato il principio in tema di responsabilità per "esercizio di attività pericolosa (la produzione e commercializzazione di prodotti da fumo)". Le multinazionali e lo Stato sono salvi e i fumatori avvertiti.

Share

Advertisement

Related Posts

Furti d'auto, sgominata banda di catanesi
Dal febbraio dello scorso anno i comonenti della " Banda delle 500" avrebbero compiuto otto furti di Fiat 500 a Oritigia. Siracusa - Fiat 500 rubate, smontate e poi rivendute.

Btp Italia in offerta da lunedì, tasso minimo garantito allo 0,40%
La seconda fase si svolgerà nella sola mattinata del 17 maggio (dalle 9 alle 11) e sarà riservata agli investitori istituzionali . Dalla prima emissione di Btp Italia , nel marzo 2012, ad oggi sono stati collocati oltre 132,7 miliardi di euro di titoli.

Indennità accompagnamento: nuova procedura dal 9.5.2018
La sezione dedicata ai requisiti socio-economici non può essere trasmessa se non compilata in tutti i suoi campi obbligatori. Le ultime novità sulle pensioni d'accompagnamento riguardano la procedura per l'accesso alla prestazione.

Muore in moto sull'Aurelia tra Chiavari e Rapallo
Nello scontro in cui è morto un centauro, classe 1970, sono rimasti coinvolti quattro veicoli: due auto e due moto. Alle 21.30, a due ore dall'incidente, l'Aurelia tra Chiavari e Zoagli è ancora chiusa.

Milan, Donnarumma: "Capita di sbagliare ma volto subito pagina"
La pesante sconfitta nella finale di Coppa Italia contro la Juventus ha lasciato pesanti strascichi in casa Milan . Ecco quanto ha dichiarato ai microfoni di acmilan.com: "Sicuramente siamo tutti molto delusi".

Catania, esplode la veranda di un appartamento: nessun ferito
Solo una signora è rimasta lievemente ferita da una scheggia di vetro che l'ha colpita fra il collo e la spalla. L'esplosione dovuta ad una fuga di gas si è verificata nella veranda di un appartamento di viale Moncada .

Governo Lega-M5S, clamoroso retroscena: Berlusconi convinto, è fatta al 75%
Ore 15:22 - Il deputato 5 Stelle Emilio Carelli si sbilancia, dichiarandosi fiducioso per il buon esito delle trattative . Anche se l'ipotesi era uno dei cardini del piano per dare vita al nuovo governo con l'appoggio esterno di Forza Italia .

Problemi alla Ferrari di Raikkonen: cambiato il motore in via precauzionale
Un venerdì che non parte certamente benissimo per Kimi Raikkonen , arrivato a Montmelo con il secondo posto ottenuto a Baku. Finora ci siamo confermati competitivi ovunque, e non vedo motivi per cui non dovremmo esserlo anche qui in Spagna.

Harry Potter sbarca a Milano: ci saranno James e Oliver Phelps
Il percorso inizia con lo smistamento, dove il Cappello Parlante assegna i visitatori a una delle quattro case di Hogwarts . Sono nove le stanze che ospitano cimeli, oggetti, scenografie, curiosità legati alla saga di Harry Potter .

Miccichè: "Benzina gratis ai siciliani o Eni fuori dalle palle"
Per me se ne devono andare, via, via dalla Sicilia. "Oppure almeno diano la benzina gratis ai siciliani". Gianfranco Miccichè a ruota libera, a 360 gradi.

© 2015 Vivere Milano. All Rights reserved.